Logo

Il Mulo per il mondo Alpino

Homepage
Presentazione
Storia ANA
Storia Museo
Letteratura
Foto
Curiosità

barra

Per contatti,
informazioni
e donazioni di
materiale
fotografico
Mail

 

Per esprimere almeno in parte quello che rappresenta il mulo per il mondo alpino, ricorderò un episodio emblematico accaduto ad un collega qualche anno fa, durante un brevissimo viaggio di nozze all'Isola d'Elba.

La sera dell'arrivo a Porto Azzurro il Comandante della Stazione dei Carabinieri del posto si presentò al giovane Capitano per recapitargli con urgenza un telegramma inviatogli dal suo vicecomandante, il cui testo diceva pressappoco così: "Vaglio rosso deceduto per colica stop". E non era uno scherzo!

Il Vaglio rosso era uno stupendo mulo roano che aveva prestato servizio con onore in un reparto alpino!

Preferisco non pensare alle conseguenze che la ferale notizia può aver avuto sulla prima notte di matrimonio del Capitano!

Questa concezione quasi umana del mulo non deve stupire e non stupisce certamente gli alpini che per circa 120 anni hanno vissuto in simbiosi con lui. Per questo, il mulo è entrato nella letteratura alpina da protagonista, quale insostituibile modello operativo per muovere in montagna, in situazioni estreme. La sua potenza, la sua grande generosità, ma anche la sua spiccata sensibilità e qualche volta rusticità, resteranno nella storia.

E gli alpini lo ricorderanno con affetto e malinconia. E la montagna, l'alta montagna, quando sarà violata dallo stridente rombo di motori costruiti dall'uomo, rimpiangerà il genuino e romantico nitrito del mulo.

Gen. Com.te Luigi Federici

 

Copyright 1998© Francesco Pacienza This Site was enginereed by FOTOPROGETTO

Homepage | Presentazione | Storia ANA
Storia Museo | Letteratura | Foto | Curiosità